Una font storica: il Sabon.

0
558

Molto spesso, quando si pensa a una font famosa, si finisce per annoverare l’Helvetica, il Futura, il Times New Roman e (nel male) il Comic Sans.

Tra le più usate font della storia trova spazio, con pieno merito, anche un carattere forse meno noto ai non addetti ai lavori, ma di grande presenza: sto parlando del Sabon.

Il Sabon venne disegnato dal tipografo Jan Tschichold, considerabile come uno dei pionieri della grafica moderna.
Svizzero di nascita ma tedesco d’adozione, Tschichold fu attivo in uno dei momenti che hanno avuto maggior influenza del design e cioè tra il 1947 e il 1949. Durante questi anni si trovò a lavorare in Inghilterra, dove fece da supervisore di una cifra impressionante di copertine per Penguin Books. Durante la sua vita, Tschichold disegnò vari caratteri, ma divenne famoso soprattutto per aver creato il Sabon.

Realizzato sulla base del Garamond (viene spesso associato al concetto di “rinascita dello stile Garamond”), l’unicità di questa font sta nei “pesi” romani, corsivo e grassetto che hanno tutti la stessa larghezza quando vengono composti. Un’altra peculiarità del Sabon è l’uniformità delle sue terminazioni.

Considerato un grande “classico” della storia delle font, il Sabon è probabilmente uno tra i caratteri ispirati al Garamond più utilizzati. Gli stili grassetto e corsivo vennero pensati tenendo conto della necessità di utilizzare questo carattere sul monotipo e sul linotipo.

Disegnato nel 1967, fu il primo carattere per tutti i sistemi meccanici, MonotypeLinotypeIntertype e fotocomposizione.

Curiosità: la grande leggibilità di questa font fece sì che venisse scelta come il carattere della nuova edizione della Bibbia negli Stati Uniti.

Insomma tenetela a mente: potrebbe essere un tocco di classe e di storia per la progettazione dei vostri prossimi biglietti da visita.

Lascia il tuo Commento: Discutiamone!

Loading Facebook Comments ...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.