Fiera Grafitalia: un 2013 con poche novità e grandi assenti

0
363
Padiglione di Grafitalia 2013

Si è chiusa sabato scorso l’edizione 2013 di Grafitalia. Purtroppo, come molti temevano, è stata un’edizione in tono minore.

La grande assente di questa edizione è stata la stampa offset. Nessuna delle case produttrici si è presentata all’appuntamento fieristico, accentuando così una crisi del settore, che sembra non voler finire. Quindi a farla da padrona è stata la stampa digitale: pochissime le novità, ma diverse interessanti applicazioni e molte conferme di alcuni leader del settore.
AGFA, con i plotter flatbed di grande formato Anapurna e le nuove macchine da stampa digitale a foglio MGI, di cui è distributore, è stato uno degli stand più ampi e ricchi di spunti, per chi vuole investire in nuovi settori. Tra le particolarità la MGI JETvarnish 3D, macchina digitale in grado di creare vernici serigrafiche a spessore riservate, su fogli stampati sia in stampa digitale che offset, fino ad un formato 52×74 cm.

Nella stampa large format erano presenti anche Bompan con i plotter Mimaki, e Roland con i plotter da stampa e taglio, mentre altre case produttrici hanno preferito mostrare le proprie attrezzature all’interno di stand di partner strategici.

Nella stampa di piccolo formato importante la presenza di Ricoh, e il caso di Canon e Ocè. Quest’ultima ha presentato, in collaborazione con la Petratto, storica azienda torinese nel settore della legatoria, un sistema per la produzione di libri cuciti filo refe. La linea è composta da una stampante Ocè della serie Vario print Ultra, in linea con un sistema di piega, raccolta e cucitura ideato dalla Petratto per la produzione di libri in bianco e nero su larga scala. Il connubio della stampa digitale, con una linea di produzione di brossura professionale, permette la produzione di volumi in piccole e medie tirature con rapidi cambi formato, mantenendo però costi competitivi. Importante anche la presenza di Neopost, con le soluzioni di finitura Duplo per la stampa offset e digitale, leader nel settore del finishing di bassa e media tiratura.

Padiglioni di Grafitalia 2013

Novità da Hp e le Assenze di spicco.

Sicuramente la presenza più importante è stata quella di HP, che ha presentato in anteprima nazionale la nuova ammiraglia delle macchine da stampa digitali della famiglia Indigo: la 10000. Forte di una tecnologia sviluppata e collaudata sulle macchine di piccolo formato della serie 5000 e 7000, HP Indigo 10000 vanta un formato stampa di 750×530 mm, e una produttività fino a 3.450 fogli all’ora, nella modalità di produzione standard, e fino a 4.600 fogli colore all’ora, nella modalità di produzione ottimizzata.

Sempre allo stand HP, erano presenti anche i plotter large format della famiglia Designjet L28500 e L26500, che sfruttano la tecnologia degli inchiostri latex.

Grandi assenti nel settore della stampa digitale aziende leader come Xerox e Kodak.
Complessivamente una fiera in tono minore, figlia di una crisi che costringe le aziende a disertare questi appuntamenti, concentrando l’attività di vendita attraverso canali diversi e meno onerosi, ma probabilmente anche conseguenza della vicinanza di un altro avvenimento come Drupa, la più importante fiera del settore arti grafiche al mondo, celebrato soltanto un anno fa.

Lascia il tuo Commento: Discutiamone!

Loading Facebook Comments ...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.