Progetto Diverso, Approccio Differente

0
199

Il designer lavora per arrivare ad un risultato specifico mediante il suo progetto grafico, ma esistono svariate tipologie di metodi di progettazione per arrivare a questo risultato. Non esiste un metodo standard unico quando si va a preparare un layout, però esistono molte procedure differenti, che magari conoscevamo già, ma non sapevamo che fossero state categorizzate.
Vediamone assieme alcune.

KISS

kiss

L’acronimo di Keep It Simple, Stupid (fallo semplice, stupido) va a sottolineare come, in fase progettuale, sia fondamentale essere semplici ed immediati. Uno degli esempi più classici per spiegare questa metodologia è la differenza di sforzi che fu spesa nella progettazione una penna da fornire agli astronauti (negli anni della guerra fredda)che funzionasse anche nello spazio. La NASA investì cifre folli in questo progetto mentre la Russia diede in dotazione una matita.

TIMTOWDI

bivio

Questo è l’acronimo (non semplicissimo) di There is more than one way to do it (lo si può fare in più di un modo) e si basa sul tenere sempre a mente che un problema per essere risolto, può avvalersi di varie strade differenti.

L’USO AL CENTRO

uso al centro

Si vanno a concentrare gli sforzi per raggiungere un obiettivo basandosi sui compiti associati all’utilizzo del progetto invece che sui bisogni e i desideri del fruitore, come avviene invece in un approccio focalizzato sull’utente.

L’UTENTE AL CENTRO

utenteal centro

Si pingono i desideri e i bisogni del fruitore al centro di tutte le fasi progettuali: il progettista dovrà riuscire a prevedere le varie possibilità di utilizzo del prodotto e fare dei test con utenti veri. In questo modo si capirà meglio cosa accadrà la prima volta che una persona utilizzerà l’oggetto in questione e quale sarà la curva del suo apprendimento.

VERSO IL BASSO O VERSO L’ALTO

28

Nella progettazione “Bottom-Up” detta anche “dal basso verso l’alto“, si vanno ad utilizzare le caratteristiche che hanno i singoli elementi come fondamenta per il processo decisionale. Ad esempio, nel caso di una rivista, partendo dai testi e le immagini a disposizione si va a deciderne il layout per enfatizzarne al massimo le peculiarità. Al contrario, nel caso di un processo Top-Down partendo da un layout deciso prima si vanno ad adattare testi ed immagini alla gabbia grafica esistente.

IL RASOIO DI OCCAM

Occam

Il frate francescano Guglielmo di Occam viene considerato come uno dei padri fondatori del riduzionismo metodologico. In pratica si parla di sinstesi e minimalismo estremi, andando a considerare ogni elemento non necessario come un rischio di comunicazione o una possibile deformazione del messaggio da veicolare.

Lascia il tuo Commento: Discutiamone!

Loading Facebook Comments ...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.