Stampa libri e salva il mondo

0
372

La coscienza ecologica riguarda anche il mondo della stampa. Avevamo già parlato di carta ed ecosostenibilità, ma si può essere “green” anche utilizzando un font che risparmia fino al 20% di inchiostro. Così afferma l’agenzia Spranq che ha rilasciato Ecofont.

Stampa ecologica: oltre il Garamond

Il font considerato più ecologico era il Garamond: di fatto un vero classico, visto che il tipografo parigino Claude Garamond lo aveva ideato attorno al 1550. Il Garamond era diventato ben presto un font “alla moda”, soppiantando i caratteri gotici che avevano caratterizzato la stampa fin dalle sue origini con Johann Gutenberg.

Il Garamond è diventato poi un font molto comune per la stampa digitale, risultando anche una ottima soluzione dal punto di vista ecologico, in termini di risparmio di inchiostro a parità di stampa. Questo almeno fino alla invenzione di Ecofont

Una stampa… Con i buchi!

spranq ecofont (http://www.theregister.co.uk/2008/12/23/spranq_ecofont/)

Spranq è una agenzia di Utrecht che ha ottenuto un ulteriore risparmio del 20% di inchiostro a parità di stampa rispetto all’utilizzo del Garamond.

L’uovo di Colombo è stato quello di prendere un font open source, il Vera Sans (a sua volta un font storicamente molto importante, visto che è stato commissionato appunto per la distribuzione open source da GNOME Foundation, il progetto di piattaforma informatica completamente free software) e sottoporlo a una “cura dimagrante”. Come? Sforacchiandolo!

È la presenza del vuoto nei caratteri che ottiene il risultato, sorprendente e ovvio a un tempo, di abbattere l’utilizzo di inchiostro.

La stampa dopo Ecofont

Mentre persino Greenpeace adottava Ecofont per le sue comunicazioni, cominciava la corsa a soluzioni di stampa ancora più economiche ed eco-compatibili. Per esempio la University of Wisconsin-Green Bay sta studiando soluzioni che utilizzano un altro font già di per sé molto popolare e “storico”: il Century Gothic, ovvero il restyling digitale con cui è stato aggiornato il Futura, risalente al 1927.

Come dire: la battaglia per salvare il pianeta passando dalla stampa è iniziata! Per il tuo prossimo libro magari potresti valutare l’uso di un font che aiuta l’ambiente.

Lascia il tuo Commento: Discutiamone!

Loading Facebook Comments ...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.